Famiglia e Tempo libero

Asili all’aperto: imparare a contatto con la natura

Foto del Profilo
di Daniela Bottarelli il
Commenti (0)

Da qualche anno è in vigore un nuovo progetto: gli asili all’aperto. L’idea di base è semplice, i bambini giocano nei boschi o sulla spiaggia , esplorando la natura e la didattica ha il suo punto di forza nel far vivere le esperienze il più genuinamente possibile ai piccoli, dando loro modo di esprimere appieno stupore, curiosità e creatività. Tra gli asili spicca quello di Bronte, in provincia di Catania. é stato creato da tre mamme che desideravano una scuola a misura di bambino. Le giormate si svolgono alla scoperta dei luoghi che circondano il posto dove sorge l’asiloe cioè, tra fiume, lago e bosco. Qui si fanno camminate, giochi, esperienze sensoriali e si coltiva l’orto. Inoltre , ai bambini vengono insegnate tante attività manuali con materiali naturaliu e di recupero.

Un altro esempio di asilo all’aria aperta è quello di Ostia sul mare. Nato dall’associazione Manes, in collaborazione con l’Istituto  Amendola-Guttuso e con la partecipazione della lega italiana protezione uccelli (Lipu), quest’asilo si affaccia direttamente sul mare. L’appuntamento al mattino è all’oasi Lipu :qui i bambini possono osservare gli animali selvatici, dar loro da mangiare,osservare gli uccelli, passeggiare in riva allo stagno e partecipare alle operazioni di recupero e salvataggio della lega. Quando non si va al Lipu, si fanno delle passeggiate sul lungomare o al porto.

Volete un esempio di un asilo nato in città? Come si potrebbe organizzare, vista la lontananza da boschi o dal mare? La risposta arriva dall’asilo all’aperto di Bologna, dove è stata creata un’apposita sezione nelle vicine campagne. Qui i bambini sono coinvolti nella lavorazione dell’argilla e nelle numerose visite presso le cascine dei contadini, per assistere alle varie operazioni nelle fattorie.

Insomma, si gioca e si impara stando semplicemente in mezzo alla natura!

Loading...
Bio
Ultimi Post
Foto del Profilo
Hai trovato utile questo articolo?
VOTA

Commenti

commenti